Tavecchio Figc, Pagano (NCD): Lettera aperta ai sindaci della provincia di Caltanissetta

[easingsliderlite]

<<Ho partecipato con piacere – dichiara l’On. Alessandro Pagano componente della Commissione Finanze alla Camera dei Deputati – all’Assemblea della Lega Calcio dilettanti che ha proclamato Presidente per il prossimo quadriennio il Prof. Santino Lo Presti, una presidenza positivamente scontata vista la continuità con la presidenza del Dott. Sandro Morgana, oggi Vice Presidente Nazionale Lega Dilettanti.

Devo dire che è stato un piacere e una gioia partecipare ad un’assemblea che ha visto la presenza qualificata di Carlo Tavecchio Presidente Nazionale della F.I.G.C. e del presidente della Lega Dilettanti Belloli. I temi che mi hanno convinto sono stati due: Tutti e quattro i protagonisti della giornata sono stati coesi nell’affermare che questa crisi del calcio italiano è prima di tutto una crisi valoriale; sono stati chiari nell’affermare che non si può combattere la violenza negli stadi e le aggressioni agli arbitri (in questa triste classifica la Sicilia purtroppo primeggia), solo aumentando la pena dei colpevoli o aumentando il numero delle forze di polizia. I quattro presidenti, e in particolare Tavecchio, hanno ribadito che ci vuole un lavoro a monte fatto di educazione e formazione valoriale nei confronti dei giovani calciatori: rispetto dell’avversario, lealtà, correttezza, giusta attribuzione del valore della vittoria e della sconfitta. Solo se le società sportive (dal magazziniere al presidente della società), inculcheranno questa mentalità si formeranno calciatori ai quali non verrà mai nemmeno in mente di fare (tanto per fare qualche esempio) entrate pericolose, aggressioni agli arbitri, bestemmiare, fare falli di simulazione, e così via. E’ stato bello vedere i vertici nazionali del calcio italiano e siciliano ribadire questo tipo di impegno.

Oltre agli impegni etico-sportivi il Presidente Tavecchio ha anche parlato di un altro tema: l’efficentamento dei costi. Di fronte ad una riduzione complessiva dei ricavi, le società sportive e dilettantistiche e gli Enti Locali, che inevitabilmente ad essi sono legate, devono essere pronti alle sfide richieste.

Tavecchio ha fatto esempi impressionanti: ha spiegato per esempio che ogni 100 docce fatte dagli atleti, le società e gli enti locali spendono di energia oltre 45 euro. Una cifra che alla fine dell’anno diventa esosa. L’efficentamento energetico, con i moderni sistemi, a tutti noti, invece costerebbe appena 6 euro. La F.I.G.C. ha garantito un contributo a fondo perduto pari al 50%, a cui dovrebbe seguire un altro 50% di co-finanziamento della Cassa Depositi e Prestiti agli Enti Locali. A questa iniziativa però hanno aderito solo 2 comuni su 8000. Era evidente la delusione dell’ottimo Presidente che si vede pressato ogni anno da società sportive e da Enti Locali per le concessioni di contributi salvo poi non vedere che gli stessi hanno partecipino ad iniziative concrete.

Ecco perché a fine incontro mi sono permesso di prendere l’impegno con il Presidente di sensibilizzare gli amministratori di tutta la provincia di Caltanissetta al fine di utilizzare al meglio le cifre a disposizione della F.I.G.C. All’incontro, tra i sindaci, era presente solo il sindaco di Caltanissetta ed ecco il significato di questa lettera aperta. Tutti i sindaci e in particolare quelli delle città più importanti, penso all’Ing. Modaffari di San Cataldo, l’Avv. Fasulo di Gela, oltre che allo stesso Dott. Ruvolo a Caltanissetta non devono farsi scappare queste possibilità di aiuto concreto al calcio, specie quello giovanile>>.

Leave a Reply